MondoCina.it

Domenica, 23 Novembre 2014

La popolazione cinese supera 1,3 miliardi di abitanti: è cresciuta del 6,5% in 10 anni

PECHINO – La popolazione cinese ha raggiunto un miliardo e 341 milioni di individui. E’ questa la previsione annuale stilata dell’Ufficio nazionale di statistica, una previsione che secondo gli esperti dovrebbe essere molto vicina ai risultati del censimento del 2010, che verranno diffusi in aprile.

Se la cifra verrà confermata, verrà confermato anche che sono stati raggiunti gli obiettivi della politica del figlio unico, il piano di controllo delle nascite che impone alle famiglie cinesi di avere un solo bambino, seppur con diverse eccezioni. Il censimento del 2000 ha infatti contato un miliardo e 260 milioni di abitanti. Ciò significa che la popolazione cinese sarebbe cresciuta del 6,5% negli ultimi dieci anni, a fronte di un aumento della popolazione mondiale del 13,5%.

Il governo cinese attende comunque i dati ufficiali del censimento prima di mettere a punto i dettagli delle politiche economiche e sociali per i prossimi anni. Lo scopo dei 6 milioni di dipendenti statali che hanno eseguito il censimento, quando nel novembre scorso hanno battuto palmo a palmo l’enorme territorio cinese, era infatti di raccogliere dati che aiutassero a capire qual è la reale composizione della popolazione. I legislatori cinesi vogliono sapere innanzitutto qual è il numero delle persone che abita in città, poiché molti emigrati continuano ad essere registrati nei villaggi natii anche se vivono da anni nelle metropoli. L’altro obiettivo è di capire qual è la percentuale di popolazione inattiva. Le stime a riguardo sono davvero preoccupanti, soprattutto per il funzionamento del sistema pensionistico e assistenziale. La Peking University prevede che, a partire dal 2025, la popolazione attiva calerà ogni anno di 10 milioni di individui.